Bollo auto su auto usata: chi deve pagarlo e chi invece è esonerato per alcuni mesi | Fate molta attenzione

Il bollo auto è fondamentale per ogni automobilista, ed allo stesso tempo non piace a nessuno. Ma la sua importanza è innegabile, anche se molte persone non sanno esattamente ogni cosa sul suo funzionamento.

Il bollo auto, una tassa che gli automobilisti difficilmente digeriscono di buon grado. Ed ancora meno, quando ci si trova di fronte a questioni un po’ più spinose e, magari, meno conosciute. Ad esempio, in molti vi sarete chiesti sicuramente cosa dovete fare con il bollo quando vendete o comprate un’automobile.

Bollo auto (Web source) 1 maggio 2022 quattromania.it
Bollo auto, cosa c’è da sapere sul passaggio di proprietà (Web source)

Ed è un’ottima domanda, visto e considerato quanto sia importante acquistare o vendere un’auto rimanendo sempre in regola, ed ancor di più pagare correttamente la tassa automobilistica. Proprio per questo, cercheremo di capire in questo articolo come muoverci rispondendo a tutte le domande più importanti in tal senso.

Auto vendesi/cercasi: come comportarsi con il bollo auto

Bollo auto, come funzionano i pagamenti se compriamo o vendiamo un’automobile? Se lo vendiamo, il primo pagamento dovrà arrivare entro la fine del mese nel quale l’auto è stata immatricolata. Chi compra il veicolo, sarà tenuto a rispettare le scadenze annuali alle quali era tenuto il venditore.

Tuttavia, è bene sapere che se l’auto non è stata iscritta al Pra, il fisco continuerà a chiedere il pagamento della tassa al vecchio titolare. Se così è, possiamo procedere rivolgendoci ad un giudice di pace, oppure trascrivendo il passaggio di proprietà ed appoggiandoci a chi compra per i costi.

E se il bollo auto scade? Dovete sapere che l’auto può comunque essere venduta e peraltro si può comunque circolare, dato che si tratta di un’infrazione tributaria e non di una violazione del codice della strada. La responsabilità è del venditore in questo caso. E’ quest’ultimo che deve saldare il debito fiscale, in una situazione del genere.

Bollo auto (Web source) 1 maggio 2022 quattromania.it
Bollo auto, a cosa devi fare attenzione quando acquisti o vendi un’automobile (Web source)

E questo concetto vale pure dopo la vendita dell’auto. In ogni caso, se comprate un’automobile, è meglio che vi informiate sullo stato dei pagamenti del bollo; proprio per evitare di ricevere solleciti di pagamento o di cartelle esattoriali. Molto dipende pure da quando è stata formalizzata la vendita e la scadenza della tassa.

Se il bollo scade dopo il passaggio di proprietà, il pagamento spetta a chi compra il mezzo. Ma se è già scaduto, è compito del venditore operare in tal senso.

Inoltre, ricordate: il bollo auto si paga una volta all’anno. Se comprate un veicolo e non sono trascorsi ancora 365 giorni dall’ultimo pagamento, non c’è bisogno di pagare una seconda volta l’imposta. La scadenza rimane infatti la stessa, ovvero l’ultimo giorno del mese di immatricolazione – ed un mese di tolleranza. Se si esagera con le scadenze, però, è il vecchio proprietario ad essere il responsabile.