Codice della strada, cambia tutto: il governo prende spunto dalla F1 | Se sbagli la sanzione è pesante

Il dibattito sul funzionamento dei semafori c’è sempre stato, ma adesso potremmo essere arrivati ad una conclusione di non poco conto. Di cosa si tratta.

Il codice della strada ha delle regole, norme stipulate basandosi su sistemi che potessero e possano migliorare la sicurezza di tutti in strada. I semafori sono fra questi, congegni che esistono da molti anni e che, pure loro, hanno subito delle variazioni. E continueranno a subirne nella continua ricerca di una strada sempre più sicura.

Codice della strada
web source

L’obbligo di installare i semafori con il conto alla rovescia è infatti finalmente ad un passo dall’essere reso realtà, dopo dodici anni di gestazione e cinque di sperimentazione. Un traguardo raggiunto dal ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibile, che adesso dovrà compiere un altro importante passo in commissione europea prima di entrare finalmente in scena. Nei prossimi mesi, quindi, assisteremo ad una sorta di rivoluzione dei semafori con l’introduzione di questo conto alla rovescia.

Semafori ed il conto alla rovescia: cosa c’è da sapere

Semafori, le nuove regole decisamente volute dal governo italiano prevedono una sorta di conto alla rovescia. La spinta decisiva è arrivata grazie a tantissime amministrazioni comunali e comandi di polizia locale per tentare di tutelare gli utenti più deboli e fragili come i pedoni ed i ciclisti.

A riguardo, si è voluto esprimere Luigi Altamura, comandante del corpo di polizia municipale di Verona, che ai microfoni de “Il Messaggero” ha spiegato che gli attraversamenti pedonali semaforizzati dovrebbero essere fra i luoghi stradali più sicuri. Ma, purtroppo, spesso sono quelli in cui avvengono davvero tanti, troppi incidenti, Anche gravi, soprattutto alle categorie precedentemente nominate.

Nonostante ciò comporti ai trasgressori una decurtazione di ben otto punti dalla patente, si continuano a verificare sinistri del genere. Altamura l’ha definita “un’anomalia italiana”, perché in altri stati – come Austria e Germania – le strisce pedonali “sono considerate sacre”. Ma in cosa consiste il conto alla rovescia? Dall’allegato tecnico, emerge che riguarderà quasi esclusivamente la luce gialla e non quella verde.

Semafori (Web source) 22 aprile 2022 quattromania.it
Semafori ed il conto alla rovescia: la novità (Web source)

Semplicemente perché, in caso contrario, avvertendo della fine del tempo della luce verde si spingerebbero gli automobilisti ad accelerare mentre il codice della strada prevede chiaramente che all’incrocio bisogna sempre avvicinarsi in maniera prudente.

In ogni caso, queste novità sembrano davvero positive per una questione seria e non semplice come quella che riguarda i semafori e gli incroci. Magari, d’ora in poi, molti automobilisti ci penseranno due volte prima di pigiare a più non posso sull’acceleratore, con l’incolumità di molte persone che dovrebbe essere così più al sicuro.