Benzina e diesel, ecco come consumarne il meno possibile | E’ gratis e puoi farlo subito

I costi del carburante sono sempre più alti e sempre più preoccupanti. Cerchiamo di capire meglio come invertire un trend tutt’altro che positivo per milioni di automobilisti in tutto il mondo.

Insieme alla guerra in Ucraina, la questione dei prezzi dei carburanti, benzina e diesel su tutti, preoccupa maggiormente milioni di persone in tutto il mondo. I prezzi sono infatti arrivati davvero alle stelle, come muoversi quindi per cambiare le cose?

Consumo carburante (Web source)
Consumo carburante (Web source)

Difficile evitare di pagare questa spesa per riempire il serbatoio della nostra auto, ma magari capire cosa ci fa consumare così tanto carburante può aiutarci ad attuare le soluzioni migliori possibili, sempre considerando questo momento complicato.

Come spiegato dall’Automobile Club tedesco, basta poco. Come sostituire regolarmente il filtro aria motore. Cerchiamo di comprendere meglio dunque come risparmiare carburante, nonostante il momento tanto complicato che siamo costretti ad affrontare.

Risparmio carburante, le soluzioni che non ti aspetti: cosa c’è da sapere

Consumo carburante, non tutti sanno che quello “a freddo” è sempre maggiore. Se il motore non arriva alla temperatura di funzionamento ottimale, viene iniettata una miscela più ricca di carburante.

L’uso della macchina in città, considerando ciò, è la scelta peggiore per un’auto tradizionale con motore a combustione. Nei brevi e frequenti tragitti, inoltre, la batteria non fa in tempo a ricaricarsi se l’auto alterna questi viaggi a giorni di totale inutilizzo. Lo scarico poi è più esposto all’aggressione del vapore acqueo che condensa nel terminale, corrodendolo fino a bucarlo.

La soluzione sarebbe utilizzare un modo alternativo di muoversi, se percorriamo pochi chilometri: a piedi, in bici o tramite l’utilizzo di mezzi pubblici. Oppure fare più cose in un giorno, se proprio dobbiamo guidare.

Tornando alla città, a prescindere dalla temperatura di funzionamento del motore la guida peggiora sempre quando si lascia il propulsore acceso al minimo. Ad esempio, nelle frequenti ripartenze dovute al traffico, che secondo l’ADAC ci costano circa 0,5-1 litro all’ora.

Soprattutto sulle auto non dotate di Start&Stop; in questo caso, se si è costretti a rimanere fermi per venti secondi (ed anche di più), meglio spegnere l’auto e poi riaccenderla per ripartire. Anche lo stile di guida è fondamentale, soprattutto in città e se l’auto non ha un sistema di recupero dell’energia. In questo caso, l’energia impiegata per frenare viene sprecata.

Per evitarlo, tranne in casi di emergenza, mentre rimettiamo in movimento l’auto è meglio non avere fretta di cambiare una marcia perché anche questo fa consumare carburante. Inoltre, esiste un sistema elettrico ed elettronico che preleva costantemente energia dalla batteria, anche se l’auto è ferma al semaforo. Valutare quindi quali accessori sono effettivamente utili per evitare ciò.

Consumo carburante, come risolvere il problema (Web source)
Consumo carburante, come risolvere il problema (Web source)

L’aria condizionata fa consumare fino ad 1,5 litri di carburante ogni cento chilometri, i finestrini aperti su entrambi i lati 0,2 litri in più. Il discorso cambia a basse velocità, anche se è consigliabile tenerli sempre chiusi, soprattutto in città, onde evitare sostanze nocive che potreste respirare. Arriviamo poi a passeggeri e oggetti superflui che caricano l’auto.

Ogni 100 chilogrammi di peso in più, il carburante aumenta il consumo di 0,3 litri. Meglio lasciare a casa, quindi, oggetti ingombranti che non servono a niente. Il risparmio più interessante, però, riguarda gli pneumatici.

Sul mercato si trovano sempre più gomme a risparmio energetico. Il loro prezzo può essere leggermente più altro rispetto a quelle meno efficienti, ma nel lungo termine l’investimento paga eccome.

Potrebbe interessarti>>> Caro carburante: ecco cosa hanno scelto molti in Italia per risolvere il problema | Costi abbattuti totalmente

Si possono risparmiare 0,5 litri ogni 100 chilometri con questo “stratagemma”. Magari non cambia la vita, ma considerando il momento difficile che gli automobilisti stanno passando, queste accortezze possono risultare davvero fondamentali.