Bandito dalle corse in auto per 8.000 anni.. E’ tutto vero | L’assurda sentenza di squalifica

Questa persona dovrà stare lontana dalla pista per migliaia di anni! Ma perchè ha ricevuto un ban così severo? Doping? Irregolarità sul tracciato? Nulla del genere…

L’automobilismo non è un mondo che perdona gli errori: dalla NASCAR alla Formula Uno, ogni campionato ha le sue regole più o meno severe che se non rispettate possono costare penalità e bandi ai piloti inadempienti. Anche il mondo dell’automobilismo virtuale, che si corre su circuiti fatti in poligoni, non è tanto permissivo.

cbox
Un frame del gioco (Xbox.com)

Lo ha scoperto a sue spese un giocatore del videogame Forza Horizon 5 – un’esclusiva per la piattaforma Xbox – che si è visto recapitare un assurdo bando che scadrà il 31 dicembre del 10021! 8.000 anni di ban dalla piattaforma di gioco per un motivo decisamente assurdo.

A raccontare la vicenda, un amico del giocatore che preferisce rimanere anonimo: il giovane ha avviato la partita come al solito e quando ha provato ad accedere al servizio online si è trovato l’assurda comunicazione. Ma cosa può aver fatto di così grave per essere tenuto lontano dalle piste così a lungo?

Ti potrebbe interessare anche -> Era il videogame più ambito, un tempo. Ma ora…

C’è di mezzo il KFC

Facciamo un passo indietro: prima di approfondire la vicenda, dobbiamo spiegarvi un particolare su Forza Horizon 5. Nel gioco, i piloti possono creare una livrea personalizzata da apporre sulle proprie auto, cosa che anche il giocatore che ha ricevuto il ban aveva fatto.

ginx
La “pietra dello scandalo” (Ginx)

Ti potrebbe interessare anche -> Nord Corea, ecco gli autosaloni locali | Sono imbarazzanti 

Ti potrebbe interessare anche -> Quando le auto hanno nomi controversi

La BMW Isetta di questa persona esibiva un’ironica livrea del KFC su cui al posto del famoso Colonnello Sanders troneggia il dittatore nord-coreano Kim Jong Un, autore di orrendi crimini contro l’umanità. La livrea contiene altri riferimenti alla dittatura coreana, incluso il logo della Nike che diventa “Nuke” e quello della Pirelli storpiato in “Pyongyang”.

Lo staff del Team 10 che controlla il comportamento dei giocatori non ha preso a ridere quella che è evidentemente una goliardia ed ha assegnato il tremendo ban al giocatore, che protesta: “Mi hanno accusato di averlo fatto più volte ma era la prima volta che usavo quella livrea”, ha spiegato ai giornalisti. Piuttosto che aspettare la scadenza del bando, forse gli conviene cambiare videogame…