MotoGP, a Misano si vede già il 2022: Gardner e Fernandez sono pronti

I test di Misano post gara sono stati l’occasione per vedere all’opera il futuro della MotoGP. Gardner e Fernandez subito forti.

Il motomondiale riposa questo weekend, anche se in settimana dopo la gara di Misano c’è stato un lavoro supplementare per squadre e piloti. Sempre sul circuito romagnolo, infatti, c’è stata una due giorni di test, utile sia per provare le moto dell’anno prossimo, sia per vedere all’opera i futuri rider del 2022.

gardner fernandez
Gardner e Fernandez (Getty Images)

Tra di essi ce ne sono due che promettono molto bene, ovvero Gardner e Fernandez. Loro sono entrambi di KTM e proprio per la casa austriaca correranno l’anno prossimo, così come i confermati Oliveira e Binder, mentre Petrucci e Lecuona saranno appiedati.

Gardner e Fernandez hanno quindi avuto la possibilità di guidare le loro moto e si sono detti molto soddisfatti. Il divertimento è andato alle stelle con le MotoGP, e le aspettative per l’anno prossimo sono alte. Tuttavia, i due si devono concentrare sulla Moto2.

Potrebbe interessarti >>> Quando l’Italia umiliò il Giappone: 14 anni fa il dominio Ducati sul mondo

Gardner vs Fernandez: il duello in Moto2

moto2 ktm
Gardner e Fernandez (Getty Images)

Gardner e Fernandez non possono ancora concentrarsi a pieno sulla MotoGP poiché sono impegnati in una lotta fratricida in Moto2. L’australiano comanda con 271 punti la classifica, ma nelle ultime gare è apparso un po’ appagato. Lo spagnolo, invece, a Misano ha vinto arrivando a 237 punti.

Potrebbe interessarti >>> Il mondiale MotoGP si riapre e si accendono le speranze per un italiano

Entrambi, poi, fanno parte del team KTM di Ajo, e con i punti conquistati hanno fatto vincere con 5 gare ancora da disputare il titolo costruttori. La moto è semplicemente superiore alle altre, e anche Gardner lo è stato nella stagione.

Fernandez, purtroppo per lui, sembra essersi svegliato troppo tardi, e la mancanza di costanza nel rendimento di inizio e pure metà stagione, ne ha compromesso le chance mondiali. Con quattro gare ancora da disputare, tuttavia, una piccola speranza per lo spagnolo c’è ancora.