Jannick Sinner, non solo tennis: questa è l’auto del suo cuore

Jannick Sinner non è solo il più grande talento del tennis italiano degli ultimi anni, ma anche un appassionato di motori: ecco quale casa automobilistica fa battere il suo cuore.

Alfa Romeo Giulia Jannick Sinner
Alfa Romeo Giulia (fonte foto Getty Images)

Brividi e adrenalina, dal tennis alla pista. Jannik Sinner è uno dei più grandi talenti del tennis italiano degli ultimi anni, ma è anche un grande appassionato di motori. Lo ha dimostrato più volte in interviste e non solo. Una passione che va dallo sport, con un tifo sfegatato per la Formula 1, a quell’amore mai celato per una delle più importanti case automobilistiche italiane.

Jannick Sinner ama l’Alfa Romeo


Jannick è un giovane alfista. E non lo ha mai nascosto. Pur essendo un classe 2001, nel suo garage il tennista alto-atesino non si è mai fatto mancare finora un modello della Casa del Biscione. Non a caso è diventato negli ultimi tempi anche uno dei testimonial della nota casa automobilistica, nel segno dell’hashtag #matchingtalents.

Leggi anche -> Guadagnare 80.000 euro con una Alfa Romeo Giulia: ecco come

Talento incredibile, nei suoi spostamenti, anche agli Internazionali d’Italia a Roma, ha utilizzato una fiammante Alfa Romeo Giulia e una splendida e comoda e aggressiva Stelvio Sprint. Due modelli che hanno fatto breccia nel suo cuore.

Jannick Sinner appassionato di Formula 1

 

View this post on Instagram

 

A post shared by petrol camp (@petrol_camp)

Da amante della velocità e dello sport, Jannick segue da vicino anche il mondo della Formula 1. Una passione ereditata dal padre Hanspeter, e coltivata anche grazie all’amicizia con alcuni piloti. Lo ha confessato lo stesso tennista al Corriere della Sera: “Un giorno mi piacerebbe provare a girare veloce, ma in sicurezza, in un vero circuito, come fanno i miei amici Antonio Giovinazzi e Daniel Ricciardo, che sono due piloti appassionati di tennis“. Che possa esserci anche il motorsport nel futuro del grande tennista azzurro? Difficile dirlo. Per ora resta niente più che un hobby, da coltivare nel privato. Per il resto si vedrà.