Schumacher, Michael e Mick uniti dal destino: che giornata il 22 marzo

Il 22 marzo è un giorno speciale per la famiglia Schumacher, infatti ricorrono il primo podio di Michael in F1 e il compleanno di Mick.

Primo podio di Michael Schumacher in Messico, 22 marzo 1992 (Getty Images)

Il 22 marzo non è un giorno come gli altri nella storia della F1, soprattutto per chi ha amato e ama ancora Michael Schumacher. Infatti, il 7 volte campione del mondo, in questo giorno del 1992, ottenne il suo primo podio in carriera. Inoltre è anche la data del compleanno di Mick, figlio dellil’iridato tedesco, nato nel 1999.

Sul circuito di Città del Messico, Schumacher alla guida della Benetton motorizzata Ford, partiva in seconda fila insieme al compagno di team Martin Brundle, oggi commentatore per la TV britannica. Dietro alle imprendibili Williams di Mansell e Patrese, che erano le prime F1 dotate di elettronica, ecco che inizia la storia sui podi di tutto il mondo da parte del campionissimo tedesco.

Per la prima volta, dunque, il 22 marzo del 1992 Schumacher muoveva le sue statistiche, iniziando la scalata a vari record. Dopo quel primo podio in Messico, ne sono arrivati altri 155 in 308 gare. Soprattutto sono arrivate ben 91 vittorie, che gli sono valsi i 7 titoli mondiali, 2 con Benetton e 5 con Ferrari.

Potrebbe interessarti >>> Ayrton Senna, il mago della pioggia: le imprese di Monaco e Donington

Mick Schumacher, compleanno ed esordio mondiale

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Haas F1 Team (@haasf1team)

Il 22 marzo, però, come già detto, è un giorno speciale per tutta la famiglia Schumacher. Infatti è il compleanno di Mick, che oggi festeggia anche in vista dell’esordio in F1 di venerdì prossimo nelle prove libere del Bahrain, dove si correrà il primo GP del 2021.

30 anni dopo la prima gara di suo padre Michael, e 29 dopo il suo primo podio, Mick Schumacher si prepara al meglio per la prima gara in F1, anche se sa che la stagione sarà difficile. Innanzitutto, la Haas ha da tempo annunciato che si è concentrata totalmente sulla monoposto del 2022, quindi quest’anno lotterà nelle retrovie.

Potrebbe interessarti >>> Project-One, arriva il genio Mercedes : il video con Hamilton sbalordisce

Inoltre, a destare qualche preoccupazione nella mente di Schumacher, ci sono anche le buone prestazioni del compagno di squadra, Nikita Mazepin, anche egli esordiente in F1. Sembra infatti, che il russo si sia trovato subito bene sulla macchina, mentre Mick ha avuto bisogno di un po’ di tempo in più per ambientarsi.

Il 22 marzo, quindi, è un giorno speciale per tutta la famiglia Schumacher. Dal primo podio di Michael sono passati esattamente 29 anni, proprio nella settimana in cui Mick esordirà finalmente nella massima serie dello sport a quattro ruote, lì dove suo padre è diventato leggenda.