Il nemico numero 1 di Valentino Rossi che voleva soffiargli la rossa | Ecco chi è

Valentino Rossi ha avuto diversi nemici, ma uno su tutti ha rischiato di soffiargli il posto in Ferrari e in F1. Ma questa storia passò all’epoca in sordina.

Valentino Rossi è arrivato ormai alla fine di una carriera leggendaria. Dopo più di 25 anni nel motomondiale, il 9 volte campione del mondo ha deciso di smettere con le MotoGP e di dedicarsi alle competizioni in auto.

Non si tratta, però, di monoposto, già guidate dal pilota di Tavullia più volte nella sua carriera. Infatti, insieme a Ferrari stava venendo su un’idea niente male, ovvero lasciare le moto e andare in F1. Alla fine Rossi non l’ha fatto, ma ce ne uno prima di lui che ci ha pensato.

rossi biaggi
Rossi e Biaggi (Getty Images)

Stiamo parlando del suo primo rivale in 500, ovvero Max Biaggi. Il corsaro nel 1999, a seguito della delusione mondiale perso all’ultima gara, si confortò con un test a Fiorano con la rossa di Maranello. E le cose sarebbero potute andare diversamente.

Potrebbe interessarti >>> MotoGP, Ducati carica per il 2022: s-velata la nuova moto

Biaggi, la moto gli piaceva di più

Come detto, Max Biaggi ben prima di Valentino Rossi poteva andare in F1, facendo il grande salto dalle moto alle macchine. Addirittura, sulla pista di Fiorano il pilota romano andò a soli 4 secondi dai tempi di Michael Schumacher, non male per un esordiente.

Potrebbe interessarti >>> Formula1, Mercedes arriva ad Austin con tanti dubbi: l’affidabilità fa discutere

Alla fine, però, non se ne fece più nulla. Biaggi decise di rimanere, in quanto la moto gli piaceva di più delle automobili. Difatti, avremmo potuto vederlo al posto di Irvine già nel 2000, ma la Ferrari scelse Barrichello che insieme al kaiser tedesco diede vita all’epopea rossa.

Riguardo Rossi, invece, i suoi tempi del test di Valencia 2006 sono stati un mistero proprio per lo stesso Schumacher. Il campionissimo non riusciva a capire come avesse sfornato dei tempi tanto buoni, ma alla fine anche Valentino ha deciso di restare nel motomondiale, andando a vincere altri 2 titoli mondiali.