Supercar Blondie: la regina dei social con 45 milioni di followers.

Da qualche anno, è impossibile non averla visualizzata almeno una volta. La si trova ovunque, su Youtube, TikTok, Facebook, Instagram, sempre in compagnia di auto super lusso.

Supercar Blondie
Supercar Blondie (Getty Images)

La bionda australiana, si chiama Alexandra Mary Darvall (Hirschi da sposata), ed è una 35 enne con una sfrenata passione per le belle auto, che ha creato un lavoro, diventando in pochi anni la regina indiscussa del video giornalismo legato alle super car.

Si fa chiamare semplicemente Alex, e prima di sposarsi nel 2003, e trasferirsi a Dubai (notoriamente terra di bolidi a quattro ruote) nel 2008, si è laureata in giornalismo ed economia in Australia, ma attenzione, non vuole essere definita una giornalista. Lei stessa si ritiene un influencer con la passione per le auto, che nel suo lavoro, cerca di raccontare in termini semplici e comprensibili, mostrando vetture, che difficilmente il grande pubblico, avrà mai anche solo la possibilità di vedere per strada.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alex – that girl with the cars (@supercarblondie)


La “bionda”, anche se al momento ha i capelli rosa, dopo una esperienza come giornalista radiofonica, ha iniziato per gioco a postare stories su Instagram a bordo di belle auto, era il 2015, ed i suoi “seguaci” si contavano su una mano (circa 300), oggi si ritrova con 45.000.000 di followers in totale, di cui 8 milioni e mezzo solo sul Social delle fotografie.

Può sembrare una bella favola, quella della giovane australiana, ma in realtà, è il risultato di un duro lavoro per emergere, fatto di tanti sacrifici e spesso delusioni, che però alla fine hanno pagato, portando notorietà e successo all’imprenditrice 4.0, che da indiscrezioni vanta un patrimonio stimato al momento di 15 milioni di dollari. Oltre ad utilizzare i canali social, Supercar Blondie, ha un vlog personale e recentemente ha inaugurato una linea di abbigliamento e gadget che portano i suo nome, acquistabile comodamente attraverso l’e-commerce: shop.supercarblondie.com.

Potrebbe interessarti>>>Supercar abbandonate a Dubai: cosa c’è dietro questo fenomeno

A caccia di curiosità


Nei suoi video, Alex, non fa delle semplici recensioni tecniche sui veicoli che testa, anzi, tutt’altro. A lei non piace parlare di motori tecnicamente, ma i suoi contenuti sono più semplici, quasi da utilizzatore che adora semplicemente guidare una supercar e mette in risalto, con furbizia, dei dettagli particolari di ogni veicolo di modo da coinvolgere il più ampio spettro di utenti possibile.

A proposito di curiosità, la prima auto di Supercar Blondie, non era una Bugatti, ma una semplice, anche se sportiva, Mitsubishi Lancer, tramandata in famiglia.

Il personaggio Alex, è nato, come dicevamo nel 2015, quando la “bionda” aveva un semplice profilo Instagram con 300 followers. Lavorando per un emittente radiofonica che spesso si occupava di auto a Dubai, gli venne data in prestito per un week-end, una Bentley, che lei “recensì” sul suo profilo social, e da lì, vedendo un interesse dei suoi “fans”, gli si accese una lampadina, che la portò a bussare a tutte le porte dei costruttori di super car per averle in prestito e postarle sul suo profilo.

Supercar Blondie

Ovviamente crediamo che in questo caso abbia giocato molto anche l’aspetto fisico oltre quello culturale. Immaginatevi di andare a chiedere a Bugatti, Ferrari o Porsche di prestarvi una macchina per fare una storia sul vostro Facebook, fatto? Ecco, ora immaginate una bionda australiana di un metro e settanta con il viso pulito, un sorriso travolgente, ed una laurea in giornalismo che fa la stessa operazione. La risposta è automatica.

Ad oggi, da quanto dichiara Supercar Blondie, il suo sogno più grande è quello di mettere insieme tutte le esperienze tecnologiche che ha potuto testare sulle auto che ha recensito e costruire una sua supercar, che le racchiuda tutte. Un sogno abbastanza complesso da realizzare ma, avendo visto di quanta caparbietà è capace la “biondina” australiana siamo certi che lo realizzerà in tempi non troppo lunghi.