Cerca

- 31/05/2013 - Novita' Jeep

Jeep Willys del 1943 incontra negli USA la sua erede Jeep Wrangler grazie allo sponsor dell'ASI

Dopo 70 anni una storica Jeep Willys dell'esercito americano durante la seconda guerra mondiale torna nello stabilimento della Jeep Wrangler

Jeep Willys del 1943 incontra negli USA la sua erede Jeep Wrangler grazie allo sponsor dell'ASI
Jeep Wrangler erede della Jeep Willys
Protagonista della campagna d'Italia dell'esercito americano durante la seconda guerra mondiale, una Jeep Willys storica è finalmente tornata a casa dopo 70 anni di vita. Un viaggio lungo 5 giorni e per circa 800 miglia percorse sulle strade di 3 stati fino ad arrivare alla città di Toledo, in Ohio, dove è stata costruita 70 anni fa e dove il 3 giugno festeggerà l'anniversario della sua produzione avvenuta nel 1943. 


Ritorno allo stabilimento di produzione dopo 70 anni
Nonostante il vecchio stabilimento sia stato completamente demolito, tranne la ciminiera tutelata oggi come bene culturale, un nuovo stabilimento sorge nella medesima zona dove vengono prodotte le nuove Jeep Cherokee e le Jeep Wrangler, eredi proprio del modello Jeep Willys in forza all'esercito americano in europa durante il secondo conflitto mondiale. 
Proprio per questo il programma dei festeggiamenti per il simbolico ritorno alle origini prevede l'ingresso nella linea di montaggio della Wrangler per una foto ricordo con le "nipotine" ed una visita alla ciminiera del vecchio stabilimento Overland. In queste ore la Willys fa bella mostra di sé nella show-room di Yark il più vecchio concessionario Jeep di Toledo, dove verrà anche assistita e controllata dai meccanici.

Campagna sponsorizzata dall'ASI per l'anno della cultura italiana negli USA
Sponsorizzata direttamente dall'ASI durante la sua avventura negli States la vecchia Willys svolge anche un ruolo di rappresentante del nostro Paese in questo 2013 anno della cultura italiana negli Stati Uniti, ed il viaggio é stato inserito dal ministero degli Esteri fra le celebrazioni. Un ruolo che ben si sposa con il sostegno che l'ASI ha dato a questa iniziativa: la conservazione del patrimonio storico motoristico é cultura e, dicono i protagonisti, ci ha fatto piacere poter mostrare ai collezionisti americani gli altissimi standard che caratterizzano la nostra Federazione fieri della “targa oro” che campeggia sulla calandra della Jeep.
A ricordare anche il recente legame tra le Jeep e il marchio italiano Fiat ha contribuito la visita alla località di Poughkeepsie, prima fabbrica della Fiat negli Usa costruita nel 1909 e chiusa nel 1942, poco prima che nascesse la Jeep Willys protagonista di questa storia.